7 Giorni in Romania : Il Nostro Itinerario On The Road.

0 Flares Facebook 0 Twitter 0 Google+ 0 Pin It Share 0 0 Flares ×

In questo articolo troverai l’organizzazione del nostro itinerario, le spese, gli spostamenti e tutto quello che ti serve sapere par iniziare ad organizzare un viaggio on the road in Romania che, vedrai, sarà indimenticabile.


 

Ormai lo avrò detto un milione di volte, ma non importa se mi ripeto.
Quel che trovo veramente difficile, una volta tornata da un viaggio, è iniziare a parlare partendo dalle informazioni.

Fosse per me ti parlerei per ore delle sensazioni che abbiamo provato. 
Di luci, colori, suoni, odori.
Ma siamo su un blog di viaggi, non su un diario personale, sebbene a volte il blog diventi anche questo per me.

A volte le informazioni devono venire prima delle emozioni, il dovere prima del piacere e così via.
Nei prossimi articoli però, nulla ci vieterà di approfondire ogni singola tappa del nostro viaggio, permettendoti di scoprire ancor di più la bellezza di questo paese molto spesso sottovalutato.

Ora prendi carta e penna, è il momento di chiarire un po’ le idee!

L’ITINERARIO DEI 7 GIORNI TRASCORSI IN ROMANIA :

1° giorno : Bucarest 

2° giorno : Bucarest -> Museo Astra -> Sibiu (280 km in 4h e 30)

3° giorno : Sibiu 

4° giorno : Sibiu -> Sighisoara (95 km in 1h e 30)

5° giorno : Sighisoara -> Viscri -> Bran -> Brasov (170km)

6° giorno : Brasov

7° giorno : Brasov -> Sinaia -> Bucarest (153km in 2h 20)

Molto spesso si organizza l’itinerario mettendo come prima tappa Sinaia e Brasov che sono più vicine a Bucarest.
Noi lo abbiamo invertito, in modo da affrontare la giornata di viaggio più lunga subito, ancora freschi e carichi e prendercela con comodo al ritorno, senza paura di tardare troppo ed avere problemi oltre che con l’agenzia di autonoleggio anche con il volo di rientro.

A posteriori posso dire che è stata la scelta migliore.
Siamo riusciti a concederci due giorni di riposo nelle città più grandi e a non sentire per niente la stanchezza.


COME CI SIAMO MOSSI?

Prima di prendere una decisione definitiva riguardo a come muoverci in Romania, abbiamo tenuto conto di diverse opzioni.
Per prima cosa devi sapere che il noleggio di un auto per chi ha meno di 25 anni e/o non possiede una carta di credito è quasi sempre un problema.

Tutte le agenzie di autonoleggio richiedono infatti una carta di credito, intestata al conducente, sulla quale verrà bloccata una cifra come cauzione per i relativi danni che potrebbero essere causati alla macchina.

Dopo diverse peripezie ci siamo rivolti all’agenzia di autonoleggio locale : la Klasswagen.

Professionalità e disponibilità contraddistinguono questa agenzia che si è dimostrata pronta a venire incontro alle nostre esigenze.
Infatti, scegliendo una copertura assicurativa totale abbiamo dovuto lasciare solamente 50€ di cauzione e in contanti.

I 50€ ti verranno restituiti una volta terminato il viaggio e riconsegnata la macchina in agenzia, a meno che tu non abbia perso i documenti e/o riconsegnato la macchina senza il pieno.

Se non hai problemi per il noleggio auto e hai più giorni a disposizione, un’alternativa sarebbe quella di noleggiare la macchina qui in Italia, ad esempio a Roma o a Milano,e poi attraversare alcuni bellissimi paesi dell’Europa dell’est prima di raggiungere la Romania : la Slovenia, Ungheria, Croazia sono solo alcuni dei paesi che potresti aggiungere al tuo viaggio.

Se vuoi confrontare i prezzi delle agenzie di autonoleggio più conosciute puoi rivolgervi al portale di easyterra.it , che si occupa proprio di questo, offrendoti la possibilità di scegliere il prezzo più vantaggioso per i giorni da te selezionati.

Se invece vuoi evitare di noleggiare un auto ma vuoi comunque organizzare un viaggio itinerante in Romania non disperare!
I treni sono una buona opzione di riserva, sebbene il fatto di dover stare ai loro tempi e di non potersi fermare in qualsiasi momento anche solo per scattare una fotografia non sia molto nelle nostre corde.

Per questo ti consigliamo di scegliere il viaggio in treno solo se hai in mente di concentrarti su due o tre tappe al massimo.

QUALCHE INFORMAZIONE SULLA GUIDA IN ROMANIA :

In Romania incontrerai molte più strade statali che autostrade.

I limiti di velocità a volte possono sembrare ridicoli, sono impostati su 50km/h lungo strade che in Italia vengono percorse a 90km/h o anche 100km/h, ma vanno rispettati, la polizia non è indulgente e gli autovelox non sono macchinette che ti inviano la multa a casa qualche mese dopo, ma vere pattuglie che inizieranno a seguirti e ti fermeranno per controlli e… una possibile multa.
Per questo motivo spesso ti ritroverai a coprire in più di quattro ore distanze che potrebbero essere coperte in due ore e mezza, quindi considera sempre che i tempi per gli spostamenti sono molto più lunghi rispetto all’Italia.
Il limite di tasso alcolemico accettato è pari allo 0,0%, se hai fatto anche solo un aperitivo non puoi metterti subito alla guida.

Nonostante tutto in Romania guidano come pazzi : a Bucarest il traffico è invivibile e sentirai più spesso di quanto pensi il rumore delle sgommate o delle frenate improvvise.
In generale devi sempre tenere gli occhi bene aperti e le distanze di sicurezza sono fondamentali, su strade di montagna a doppio senso tenteranno di superarti – per non dover rimanere dietro al carretto di turno che va a 40km/h – e la maggior parte delle volte rientreranno sulla corsia improvvisamente rischiando di venirti addosso, per evitare di fare un bel frontale con la macchina che arriva nella direzione opposta.
Occhio.

I distributori di benzina sono abbastanza frequenti in Transilvania, solamente nel tratto che da Sibiu ci ha portato a Sighisoara e da Sighisoara a Viscri ne abbiamo visti pochi. Quindi un consiglio è quello di non viaggiare mai vicino alla riserva e di tenerti sempre pronto alla possibilità di dover coprire un centinaio di chilometri incontrando pochi distributori.

Un consiglio per chi come me soffre il mal d’auto, anche leggero : prima ero sempre in ansia quando sapevo di dover uscire dall’autostrada ed immettermi in strade di montagna.
Questa volta sono partita preparata ed ho provato la xamamina – addirittura la versione “baby” da 25mg invece che 50 – e mi sono trovata molto bene. Se i tornanti ti disturbano e non vuoi rovinarti il viaggio puoi sempre chiedere al tuo medico e comprarla.

Io credo proprio che per i lunghi on the road, non ne farò più a meno!


 

QUANTO ABBIAMO SPESO PER QUESTI 7 GIORNI IN ROMANIA :

La Romania è una meta estremamente low cost.
La moneta locale è il LEU ed 1€ equivale circa a 4,50lei.

Ecco qui le nostre spese, tutto tutto compreso :

Auto :  250€ + 50€ di cauzione che ci è stata restituita alla fine del viaggio, per una macchina economy perfetta per due persone con navigatore incluso. Il pagamento è avvenuto in euro.

Benzina :  80€ ( circa 357 lei ) per coprire poco più di 700 chilometri.

Hotel : 230€ ( circa 1028 lei ) per dormire sei notti in quattro strutture diverse,fra cui tre appartamenti ed un albergo tutti centralissimi che analizzeremo tappa per tappa nei prossimi articoli.

Volo a/r: 98€ per due persone da Roma a Bucarest, prenotato a giugno.

Pasti, visite, souvenirs ed extra vari – compresa la benzina sopra citata : 200€ a persona , circa 890 lei.
Ti basti pensare che per una cena al ristorante si paga in media 12 € per due persone.
Il pasto più caro è la colazione, che pagherai, più o meno, quanto una cena.

Per risparmiare ancora di più ci si può indirizzare sullo street food – ottimo in alcune città come Sibiu – arrivando a pagare una cena 2,50€ in due.
Oppure cucinare in appartamento. Noi abbiamo scelto questa opzione per l’ultimo giorno.
Al supermercato abbiamo speso poco più di 9€ per acquistare l’essenziale per una cena, una colazione e un pranzo al sacco.


Ma ora basta informazioni!
Nei prossimi articoli inizieremo il viaggio vero, ti racconteremo dei volti, degli odori, della vita, delle idee che ci hanno pervaso cambiando il nostro modo di pensare.
Ti racconteremo di tutto quello che ci ha lasciato la Romania, splendido paese che abbiamo salutato con un “arrivederci al più presto”, perché  sai, non potrebbe essere altrimenti!