L’Abbazia di San Galgano : Il Cielo In Una Stanza.

abbazia san galgano siena
0 Flares Facebook 0 Twitter 0 Google+ 0 Pin It Share 0 0 Flares ×

A soli quaranta minuti di macchina da Siena – precisamente a Chiusdino – potrai ammirare una delle meraviglie architettoniche del nostro paese: ti va di accompagnarci in questa scoperta?

chiusdino siena

L’abbazia di San Galgano è un rudere.
Uno scheletro dimenticato in mezzo ad un grande prato.
Eppure è magnifica, maestosa e magica, come fosse ancora intatta.
Anzi meglio, perché questo tetto fatto di cielo azzurro e nuvole ed un manto erboso al posto del pavimento, la rendono ancor più particolare.
Oseremmo dire che rimanda ad un romanticismo decadente.

La immaginiamo dipinta nei quadri di Friedrich,avvolta dalla nebbia e da alberi spogli.

abbazia di san galgano

 

abbazia di san galgano

Nessuna incredibile storia ruota intorno alla lenta distruzione di questa abbazia, se non molte scelte sbagliate e un’incuria generale che portarono, nel corso del tempo, alla rovina del complesso : vetrate distrutte, volte crollate ed un fulmine che distrusse il campanile.

Costruita nella seconda metà del ‘200, l’abbazia di San Galgano risultava quasi interamente andata perduta già all’inizio del Settecento.
Il restauro fu portato avanti in maniera approssimativa e nel 1789 la chiesa venne definitivamente abbandonata e sconsacrata.

Una storia non incredibile, magari anche un po’ triste, ma che oggi ci permette di ammirare qualcosa decisamente fuori dagli schemi della classica chiesa o abbazia cistercense, ché ne è piena l’Europa di costruzioni simili.

A dirla tutta vi è anche qualche costruzione simile alla nostra abbazia di San Galgano in giro per l’Europa; ritroviamo esempi in Scozia, Germania, Irlanda ed anche a Lisbona.

abbazia san galgano siena

san galgano abbazia
–> Potrebbe interessarti anche : Dove Mangiare & Dove Dormire a Montepulciano <–

E’ bellissimo passeggiare al suo interno, nonostante sia completamente spoglia e rimangano le sole quattro mura perimetrali a tenerla ancora in vita.
Ci si scopre spesso con il naso all’insù e ancor più spesso ci si scopre estasiati dalla vista del cielo. Come se non l’avessimo mai visto prima, come se non l’avessimo mai visto così.
Attraverso una costruzione che, anche nella sua povertà, resta austera e maestosa.

Ed è così che trasformiamo qualcosa di quotidiano, qualcosa che ci fermiamo spesso ad osservare ma che raramente vediamo davvero, in qualcosa di nuovo e affascinante.

Ti viene da alzare lo sguardo ed iniziare a canticchiare “il cielo in una stanza” , non trovi?

abbazia di san galgano siena

abbazia san galgano siena

Se l’abbazia non ha una storia straordinaria alle spalle, il luogo in cui è stata costruita ed i dintorni richiamano invece una leggenda particolare.

Parliamo della leggenda di Galgano Guidotti; cavaliere che scelse di pentirsi e di convertirsi nella notte di Natale del 1180, ritirandosi a vita eremitica sul colle di Montesiepi, a pochi passi da dove oggi sorge lo scheletro dell’abbazia a lui dedicata.

Come gesto di pentimento, Galgano decise di infiggere la sua spada nel terreno così che l’impugnatura assumesse la forma di una croce.
Oggi, nell’eremo di Montesiepi è ancora visibile, protetta da una teca, la “spada nella roccia” ormai rovinata dalla ruggine.

Tutto questo, come potrai immaginare, ha sollevato nel corso dei secoli molte ipotesi sulla relazione fra il mito arturiano e la storia del santo chiusdinese.

C’è la spada.
C’è la roccia.
Chissà che re Artù non sia in realtà di pura ispirazione Italiana.

spada nella roccia montesiepi san galgano

E tu cosa ne pensi? 
Hai mai visitato questa abbazia o qualche complesso simile in giro per l’Europa?
Non trovi che, nonostante sia stata abbandonata a se stessa emani un’incredibile bellezza?
E cosa ne pensi della leggenda della spada nella roccia? 

Aspettiamo come sempre i tuoi commenti. 

45 comments

  1. Assolutamente meravigliosa!
    Non l’ho mai visitata, in compenso ne conosco a memoria ogni particolare grazie a Giacobbo e grazie agli Adam Kadmon’s Boys!!! 😀
    Ragazzi foto da copertina!
    :*

      1. Chiara se un giorno dovessi pubblicare quel racconto di cui parlavi fammelo sapere, voglio essere la prima acquirente!
        E spediscimelo con l’autografo! 😉 Può essere che diventi un caso editoriale…con tanto di Special di Voyager 😀

  2. Ho avuto la possibilità di visitare questa abbazia qualche anno fa, in un piccolo tour on the road della Toscana… Pensa, è stato uno dei miei primi album di foto inseriti sulla mia pagina facebook! 😊
    Ti consiglio anche di visitare la Iglesia do Carmo a Lisbona, anche un pó più emozionante di questa! 😉

  3. San Galgano voglio sicuramente visitarla, e devo dire che avete ragione sul fatto che ricorda tantissimo le abbazie (scusate i resti delle abbazie) che si possono visitare in Irlanda o Scozia: penso a Elgin, penso anche a Holyrood Abbey o alla Rocca di San Patrizio a Cashel…
    Anche secondo me sono edifici che hanno un’atmosfera unica, suggestiva: non hanno nulla da invidiare alle loro “colleghe” perfettamente conservate!
    Scelta delle immagini ECCEZIONALE come sempre ragazzi 😉
    A presto,
    Claudia B.

  4. Ciao Carissimi,
    ma che bella questa abbazia, è un peccato che non sia valorizzata come si deve, ma questo non toglie che sia straordinaria. Non la conoscevo e ora ho un po’ di sapere in più grazie a voi.
    Un bacio
    Melina

  5. sì! ci sono stata anch’io! luogo davvero particolare e molto affascinante soprattutto per la spada infissa. e poi così, senza il tetto, il contatto visivo con il sole e il cielo è ancora più diretto,e ancora più coinvolgente… foto spettacolari! bravissimi!

  6. Non la conoscevo, entra subito nella mia wish-list! Il nostro Paese nasconde luoghi meravigliosi in ogni angolo, per quello non smetterò mai di scoprirlo! 🙂
    Bellissima la quinta foto, la adoro!!
    Un abbraccio

  7. È un’abbazia che ho sempre desiderato visitare. Vengo da un viaggio in Irlanda, quello dell’anno scorso, dove i ruderi di Abbazie sono all’ordine del giorno (l’eredità delle persecuzioni ai cristiani). Un luogo così scatenerebbe subito la mia insta-pazzia, e ne uscirei con millemila foto. Prima o poi ci andrò, per forza. Le vostre foto bellissime come sempre 🙂

  8. Secondo me qualcosa di magico in questo posto c’è. Oggi pomeriggio in ufficio ho visto che avete pubblicato il post ma ero incasinata quindi ho letto solo l’introduzione e ho visto un paio di foto, velocemente. E nonostante la visita veloce ho pensato subito a quanto l’abbazia mi ricordasse quella di Glastonbury, in Inghilterra. Anche quest’ultima ha dei collegamenti molto marcati con la leggenda di Re Artù, per cui ora che ho letto per bene il vostro post mi è venuta la “pelle d’oca”! Vi lascio il link al sito della Glastonbury Abbey, così potete vedere anche voi quanto questi due posti siano simili: http://www.glastonburyabbey.com/
    Un bacio, Silvia.

  9. L’ho visitata in un caldo giorno d’agosto, un paio di anni fa.
    Il luogo è davvero bello e l’atmosfera particolare… Anche se purtroppo sminuita dall’immancabile folla di turisti che quasi sempre invade ogni angolo (o quasi) della nostra Italia!!!
    Poi, qualche mese fa, ho fatto una scappata negli Scottish Borders e lì di magnifiche abbazie in rovina ce n’è più di una… Colme del fascino unico che secoli di storia densa e turbolenta ha impresso fra quelle loro pareti decadenti. E del silenzio di una delle regioni meno turistiche della Scozia! Sto giustappunto preparando un nuovo articolo sul mio blog che parlerà proprio di questo 😉 PS complimenti per le foto…bellissime come sempre!

    1. Grazie per i complimenti cara Ilaria!
      In Scozia deve essere pieno di ruderi simili, il fascino è indiscutibile!
      Anche ad Edimburgo c’è una abbazia simile: l’Holyrood Abbey che noi non abbiamo potuto vedere sfortunatamente causa pioggia 🙁
      Un bacione <3

  10. Quando ero alle superiori volevo scrivere un romanzo tipo caccia al tesoro, in cui uno storico alla Dan Brown si metteva alla ricerca della spada nella roccia. La vicenda doveva concludersi proprio a San Galgano. Per cui questa abbazia ce l’ho nel cuore, anche se in realtà non l’ho mai vista. In Irlanda ci sono molti esempi simili – come giustamente il precedente viaggiascrittore ha già sottolineato – e tutti li ho amati per l’atmosfera di bellezza decadente. Splendide parole e foto 🙂
    Buona giornata, cari!

  11. Le foto rendono questa abbazia più suggestiva (la quart’ultima mi ricorda troppo hogwarts!!!).
    E poi, per una disneyana come me, vedere con i proprio occhi, il luogo citato nella “spada nella roccia” è spettacolare! E’ solo un gran peccato che una meraviglia del genere sia lasciata abbandonata a se stessa, dovrebbe essere valorizzata di più secondo me.
    Un bacione ragazzi :*

  12. Eee che bella la mia Toscana…grazie per aver dato un po’ di “luce” ad uno dei tantissimi luoghi magici presenti in questa regione, ma che purtroppo, sono spesso e volentieri sconosciuti ai più.

  13. Ciao ragazzi, forse ho capito come inviare commenti anche se è una soluzione provvisoria! Come vi dicevo ho puntato questa meta da diverso tempo, da quando una mia amica mi disse che la spada nella roccia esisteva e stava proprio in Toscana, vicino Siena. A gennaio provammo a organizzare un weekend ma abbiamo dovuto disdire, ma non ci rinuncio, questo post e le bellissime foto mi ha fatto venire ancora più voglia di prendere e partire! Che luogo meraviglioso!!!
    (Se inserisco il link al blog non mi invia il commento! ma tanto l’avete capito che sono Valentina di Trip and Notes!)😉

  14. Grazie ! Non ne avevo mai sentito parlare o nominare!😉 sembra un posto magico e speciale sicuramente da inserire della lista dei posti da vedere proprio perché poco turistico! 😀 bravi! È bellissima la foto di copertina

  15. La Toscana non finirà mai di stupirmi. Grazie per avermi fatto scoprire questo luogo incantevole, un po’ magico in realtà, che mi attira come una calamita… da appassionata di storie arturiane, non vedo l’ora di visitare l’abbazia e di ritrovare quelle atmosfere nordiche in Italia <3

  16. San Galgano è stupenda, io l’ho visitata lo scorso autunno e mi è piaciuta veramente tantissimo!
    E anche la spada nella roccia è una figata, nonostante il percorso non troppo agevole per raggiungerla 😀

    A Lisbona c’è un convento senza tetto, ricorda un po’ San Galgano anche se è molto più grande 🙂

    1. Ciao Eli!
      Si abbiamo visto le foto della chiesa di Lisbona e devo dire che ci ha colpito tanto. Ce ne sono molte simili in giro per l’Europa!
      Però la nostra ha un fascino particolare!
      Si il percorso per raggiungere la spada non è il massimo, solo dopo noi abbiamo scoperto che si poteva arrivare su anche in macchina! Ahaha

      Un bacione 🙂

  17. Che meraviglia! Quando ho visto la foto su twitter ho subito pensato alla Scozia ed, invece, è stato bello scoprire che si tratti della nostra bella Italia.
    Sono sempre più affascinata da questo tipo di posti: oltre all’inevitabile aurea di mistero che li avvolge, penso che siano estremamente fotogenici e le vostre foto le confermano!

Se ti va, lasciaci un commento. Ci fa sempre piacere interagire!