Sui Passi di Vincent Van Gogh : Visitare Saint Remy De Provence & Arles

0 Flares Facebook 0 Twitter 0 Google+ 0 Pin It Share 0 0 Flares ×

Ci piacerebbe potervi far sentire quel che abbiamo sentito noi, passeggiando per le vie di questo paesino provenzale chiamato Saint-Rémy-de-Provence, ma soprattutto quello che abbiamo provato una volta entrati a Saint Paul de Mausole, ovvero il complesso ospedaliero che ospitò dal 1889 al 1890 il pittore Vincent Van Gogh.


Questo è un articolo particolarmente difficile da scrivere, pensavo l’avrei rimandato all’infinito e invece mi sono decisa a prenderlo di pancia, così come viene. Perché si sa, quando visiti un luogo che ti colpisce tanto, un luogo dove ti emozioni, immergendoti nella sua storia e in quella pace che regna sovrana e quasi surreale, allora le parole per descriverlo faranno sempre fatica ad uscire nel modo giusto.

visitare saint remy de provence

C’era quella familiare ma lontana cantilena, che si alzava e abbassava, seguendo rami e lampioni.
Aspetta all’entrata, non osa far passo fuori dal ferro del cancello, in modo tale che solo se lo vuoi, e se lo vuole lei; solo se sei in cerca e lei ti riconosce; solo quando sei in grado di sentire e lei parla, passa come brezza che inumidisce e mescola i capelli dell’animo, e dice che è lei la custode di mille e una vicende. Cambiano i luoghi, i tempi, le età, ma lei no: storia, storia di vite, storia di quello che siamo ma che percepiamo solo rispetto agli altri.

– dal diario di Stefano (che sì, si è commosso prima di entrare dal cancello del manicomio) .

visitare saint remy de provence
Ma andiamo con ordine, o almeno proviamoci.
Siamo stati in Francia dal 3 al 10 agosto , siamo arrivati all’aeroporto di Marsiglia e abbiamo affittato una macchina per poterci spostare liberamente in lungo e in largo.
Saint-Rémy è stata una tappa aggiunta in un secondo momento, e per fortuna che l’abbiamo aggiunta.
Quella mattina volevamo andare ad Arles, una città che si visita principalmente se si vogliono seguire i passi di Vincent Van Gogh, anche se, per qualche assurdo motivo, gli Arlesiani pare non amino molto ricordarlo…. Fidatevi di noi, se avete poco tempo e volete conoscere un pochino meglio la vita e le vicende che colpirono il pittore, andate a Saint Rémy e scartate, almeno per questa volta, Arles.

COSA VEDERE E COSA FARE A SAINT REMY IN MEZZA GIORNATA :

visitare saint remy de provence

Noi siamo arrivati a Saint Rémy , partendo da Saint Aygulf ( dove avevamo l’albergo) alle 10.30 di mattina circa.
Abbiamo lasciato la macchina in un parcheggio e siamo andati all’ufficio turistico del paese per chiedere gli opuscoli dell’itinerario Van Gogh. Abbiamo chiesto dove si trovasse il famoso complesso ospedaliero e ci hanno spiegato che era proprio quella la tappa finale dell’itinerario descritto negli opuscoli : un itinerario che si snoda per circa un chilometro e mezzo, partendo dal centro storico di Saint Rémy fino ad arrivare a Saint Paul de Mausole , lungo la strada troverete dei pannelli rappresentanti i quadri più famosi che il pittore dipinse durante il suo anno di soggiorno a Saint Rémy, con delle brevi descrizioni.
Appreso il tutto, ci siamo seduti ad un café nella piazza principale del paese e abbiamo deciso, considerando il tempo a disposizione , cosa vedere lungo l’itinerario e cosa invece, scartare. Quest’ultimo comprendeva anche la visita ad alcuni edifici del centro storico di Saint Rémy, ma noi abbiamo preferito muoverci liberamente per il paesino, perderci nelle sue viuzze, fra i colori e gli odori di un’inconfondibile Provenza.

visitare saint remy de provence

 

visitare saint remy de provence

 

_MG_7663
Una volta terminato il nostro giro per le vie del centro storico , ci siamo incamminati lungo l’itinerario di Van Gogh, quello che ci avrebbe portato all’ingresso del manicomio di Saint Paul de Mausole.
La camminata sotto il sole dell’una non risulta per niente facile o piacevole, non ci sono punti di ombra e bisogna fermarsi ogni tanto a rinfrescarsi dal caldo torrido bevendo un po’ e bagnandosi la testa. Ma una volta arrivati, la fatica viene ripagata. Si entra in un bellissimo parco, pieno di alberi e di ombra e di silenzio, alla fine di questo parco si intraveda l’entrata di una chiesa. Accanto, vi è l’entrata al manicomio ed appena si varca la soglia lo sguardo si sofferma sul bellissimo chiostro interno, dove Van Gogh passava molto del suo tempo, dipingendo o scrivendo lettere ai suoi cari.

Ed ecco il momento che tanto abbiamo aspettato, entrare nella “cameretta” e nei luoghi dove il pittore olandese visse il suo periodo di ricovero. Ovviamente c’è chi dice che è tutta una bufala, una ricostruzione, solamente per attirare turisti ed economizzare sulla sua storia come si fa ormai un po’ su tutto. Ma noi abbiamo voluto comunque crederci, trattenere il respiro ed emozionarci immergendoci nella storia, nella sofferenza, nell’arte.

E’ stato un momento davvero toccante, perché sì, sarà anche tutto finto e ricostruito. Ma lui è esistito, ha vissuto, ha creato, ha sofferto. E anche se il letto nella camera non era quello dove ha dormito nel lontano 1890 (mi sembra anche ovvio); e anche se quella camera non era la sua camera; lui ha girato per quei corridoi e si è soffermato a guardare il cielo da quel chiostro fresco e silenzioso, e ha passeggiato per quel viale alberato pensando così spesso alla sua casa ad Arles (che ha dipinto più volte durante il ricovero). Come non emozionarsi ? Cosa importa se il letto è quello dove ha dormito o no? Non ci si puo’ soffermare su questo, si deve andare oltre, per forza.

_MG_7740

 

IMG_0367

 

IMG_0341

 

visitare saint remy de provence

 

IMG_0348

 

FERMARSI AD ARLES, CON UN PO’ DI DELUSIONE :

Finito il nostro giro a Saint-Rémy e al manicomio di Saint Paul de Mausole , ci siamo diretti verso Arles.
Ecco, Arles non ci ha propriamente emozionato o colpito. Il ricordo del pittore semba essere stato cancellato quasi volutamente e l’unica vera testimonianza che abbiamo di lui in questa città è il Cafè la Nuit , oggi chiamato Cafè Van Gogh , ovvero il famosissimo caffè da lui ritratto, che si trova in Place du Forum.

IMG_6291

Per il resto, abbiamo chiesto informazioni agli abitanti del luogo su dove fosse Place Lamartine , ovvero la piazza dove si trovava la casa del pittore; e incredibilmente nessuno conosceva anche solo per sentito dire il nome di questa piazza, ogni abitante ci dava un’indicazione diversa e alla fine abbiamo rinunciato. E’ anche vero che per visitare Arles avevamo molto meno tempo, quindi non abbiamo potuto chiedere informazioni all’ufficio turistico, sicuramente ci avrebbero dato una mano o magari dato qualche opuscolo sulla città. Sappiamo solo che, per la città, si trovano alcuni pannelli con dei dipinti di Van Gogh fra cui Starry Night – Notte Stellata. Ma niente di più.

Ci è dispiaciuto vedere così poco interesse nei confronti del pittore che, in fin dei conti, ha reso famosa questa città provenzale, sicuramente carina e gradevole per fare una passeggiata di un paio d’ore, per vedere l’arena magari, o la bella cattedrale, ma a nostro avviso niente di più.

Tirando le somme , Saint-Rémy-De-Provence è un luogo da vedere, un paesino tipicamente provenzale che vi regalerà un sorriso e un sospiro di serenità; Saint Paul de Mausole vi emozionerà, vi toccherà il cuore e magari vi farà anche commuovere come è successo a noi. Per finire Arles ci ha un pochino deluso ma è un altro posto da vedere, perché ogni viaggiatore può avere impressioni diverse, ed è il bello del viaggiare e poi scambiarsi consigli e opinioni su chi condivide questa passione come noi. Mai nessuno vede le cose con gli stessi occhi, con la stessa mente o con lo stesso cuore, ognuno ha impressioni e sensazioni totalmente diverse. Ed è questo che fa del Travel Blogger un lavoro così immensamente interessante. 🙂

_MG_7742

19 comments

  1. Ciao ragazzi, bell’articolo, mi ha fatto rivivere tutte le emozioni provate durante la visita al St Paul.
    Noi abbiamo avuto la fortuna di aver visitato Arles qualche giorno prima, seguendo anche qui le orme del pittore e cercando gli scorci che lo hanno ispirato, sapete che l’unico pannello ( a parte quelli fuori città) che non abbiamo trovato è proprio quello de “La notte stellata”? Che delusione! Di Arles però ci ha colpito moltissimo la luce, è diversa, morbida, non so definirla ma fa dimenticare tutto il resto, in questo ci ho trovato Van Gogh all’ennesima potenza, a dispetto dei locali turistici e delle case dalle pareti scrostate! La prossima volta spero di tornarci un po’ fuori stagione, ad agosto è quasi invivibile!

    1. Si è vero! Ad agosto è invivibile, piena di turisti. Anche Saint Rémy in agosto è caotica come cittadina però a prescindere da questo ci ha davvero colpito, forse proprio quella luce che dici tu, quei colori pastello, il calore provenzale. Cosa che ad Arles non abbiamo ritrovato! Speriamo di tornarci e riuscire a cambiare idea! Un bacio Valentina 🙂

  2. Ciao! Che belle foto e che descrizioni. Mi piacerebbe molto visitare la Provenza e leggendo questo articolo la voglia è cresciuta, ma dovrò aspettare luglio perché il mio sogno è attraversare i campi di lavanda.
    A presto! 🙂

  3. Avevo già messo la Provenza in lista e voi non fate altro che farmela desiderare ancora di più!
    Una domanda: ma esistono ancora gli autonoleggio che aprono la pratica solo se si possiede la carta di credito (quella associata a un conto per intenderci)?
    Come sempre bellissimi scatti ragazzi!
    Daniela

    1. Crediamo di sì, in fondo gli autonoleggio non accettano altra carta se non quella associata ad un conto. Le prepagate ad esempio non sono accettate, almeno quando abbiamo preso noi la macchina. 🙂
      Siamo felici cara Daniela di averti fatto salir la voglia di visitare questa splendida zona! È fantastica!
      Un bacione 😉

  4. In effetti ho pensato a quanto questo celebre pittore abbia sofferto e mi è dispiaciuto. La Provenza? Bella stando al vostro racconto e alle foto stupende (il chè ormai mi fa tenere sempre alte le aspettative tanto siete bravi a cogliere i dettagli).

    1. Grazie per tutti i complimenti cara Tiziana! <3 la Provenza è bellissima, soprattutto nel periodo di maggio-giugno quando la lavanda è nel massimo della fioritura! Noi amiamo l'arte, quindi non potevamo che rimanere colpiti e commossi di fronte a tutto questo! Un bacio 🙂

  5. Gran bel giro che avete descritto ragazzi, leggendo mi sono arrivate le vostre emozioni e sensazioni!

    Una parte della Francia sicurameente interessante e che ancora non conosco!

    Un salutone
    Simone

  6. Ciao Ragazzi! Ci tenevo a complimentarvi per il vostro articolo e per le vostre foto, sono splendide: in qualche modo scaturiscono (anche se alla lontana) le sensazioni che Vincent Van Gogh possa aver percorso nel suo “soggiorno”.
    Inoltre, sono rimasta stupita nel leggere che gli abitanti non siano informati su colui che ha valorizzato questa città, mi è dispiaciuto molto.
    Un abbraccio 🙂

  7. Non potete capire che concentrato di emozioni e batticuore mi avete fatto venire. E’ una cosa a metà tra il brivido e il pianto. Perché io lo amo Vincent. Nel 2009 quando siamo stati ad Amsterdam, devo dire che visitare il Van Gogh Museum si è rivelata un’esperienza mistica. E non esagero. Non mi importa di passare per pazza, ma ad un certo punto io non ero più in un museo sovraffollato, ero accanto a lui. Dentro le sue opere, nella sua testa, nella sua vita.
    Van Gogh ha la forza di fare questo effetto anche dopo tanto tempo. Forse è in questo la sua grandezza? Non lo so.
    Nonostante la mia passione per Vincent, non conoscevo questo percorso a tema. Mi avete appena spalancato un mondo: se posso ricollegarmi alla parte finale del vostro bellissimo post, il lavoro del travel blogger serve anche per trasmettere luoghi o conoscenza dei luoghi.
    Grazie ragazzi per tutte queste emozioni ed informazioni!
    Claudia B.

Se ti va, lasciaci un commento. Ci fa sempre piacere interagire!